SPETTACOLI
2004 - Moby Dick
 
MOBY DICK
scritto e diretto da
Virginio De Matteo
liberamente tratto da “Moby Dick” di Herman Melville


con  Virginio De Matteo, Martina Iorio, Raffaella Mirra, Mimmo Soricelli
scenografia Claudio Mirra
costumi Nico Celli
direttore di scena Maurizio Iannino
luci e fonica Claudio Mirra
 
 
 
Trama
È il1850. Herman, giornalista americano, decide di recarsi a Nantucket (la famosa isola da cui partono tutte le baleniere che solcano i grandi oceani) per raccogliere storie e leggende sulla grande caccia alle balene.
Si imbatte in Ismaele Peleg e le sue due figlie, Sara e Rebecca: tre tipi un po’ strani e bizzarri, che hanno sempre avuto molto a che fare con le balene ma che preferiscono dimenticare il passato.
Non è facile per Herman farsi raccontare qualcosa dal misterioso Ismaele, ma con la sua astuzia riesce a scoprire ciò che nessuno fino ad allora aveva mai conosciuto.
Ismaele ha un glorioso passato di ramponiere, ne ha viste di balene! Ne ha viste tante, di tutte le grandezze, di tutti i colori, ma quella che non dimenticherà mai era bianca, era enorme, era spaventosa, era… Moby Dick.
 
Note sullo spettacolo
Lospettacolo, liberamente tratto da “Moby Dick” di Herman Melville, contiene tutti gli aspetti epici ed eroici della lotta contro una natura ignota e selvaggia.
Gli attori con una recitazione ritmata e piena di situazioni comiche e paradossali, riescono a coinvolgere i piccoli spettatori e a condurli nel meraviglioso e avventuroso mondo della Balena Bianca.
La scenografia, che rappresenta la casa di Ismaele, è sintetizzata da una grande finestra con tendaggi e da una grezza panca color legno. Questi elementi, cambiando la loro funzione a seconda di come sono utilizzati dai personaggi, diventano cassero, e lancia, e vela, e anche ponte della nave.
 
 

età consigliata  dai 7 anni

Scarica la scheda tecnica

Scarica la scheda artistica

Scarica la scheda SIAE



Galleria fotografica

Indietro
AREA OPERATORI
Risoluzione video consigliata 1024x768 - Teatro Eidos 2007 © Tutti i diritti riservati